Tutta la gallery

 

M8 – PROSSIMA FERMATA MILANO

Cosa può accadere se 4 autori della scena contemporanea teatrale, provano a raccontare la città di Milano? Se lo chiede Animanera, e risponde: M8 – PROSSIMA FERMATA MILANO.
Milano, manipolata e ricostruita da quattro voci diverse, restituita nella sua molteplicità d’aspetti. Quattro storie, quattro sguardi diversi, dove la città si trasforma in un’idea.
M8 traccia una linea immaginaria della Metropolitana Milanese con 4 stazioni poetiche,4 pièces di drammaturgia contemporanea. Ogni stazione una storia, una poetica, un linguaggio, un modo di interpretare Milano.
Milano è bellissima, Milano non ha tempo per guardarsi allo specchio, e quando lo fa coglie indistinto il fiume elettrico delle persone che l’attraversano indaffarate ciascuna a inseguire il suo destino, in un intreccio che sembra uno snodo autostradale di vite che s’affollano al casello, pagando il pedaggio.
Milano è veloce, non indugia su se stessa, non si guarda. Ma è piena di volti, di storie. Una comunità frenetica che parla la lingua del lavoro che non c’è più e allo stesso tempo si reinventa a una velocità impressionante.
A Milano non c’è mai tempo, e l’assenza è la sua dimensione interiore, la sua cifra più misteriosa e smaccata.

Una città indagata attraverso quattro differenti punti di vista:
1. Milano in attesa Beckettiana confinata su una banchina della metropolitana.
2. Milano capitale della Gig Economy. Un’apocalisse consegnata a domicilio assieme alla pizza.
3. Milano che si interroga sulle relazioni e la sessualità, cercando una nuova identità.
4. Milano città della nebbia che non c’è più, città della moda, dei piccioni, studia surreali proposte geniali per una città davvero a misura d’uomo, e non solo.

Prima fermata
ASPETTANDO MM
di Camilla Mattiuzzo
con Natascia Curci e Federica Fabiani
AA e CC sono due donne di trentacinque anni circa in una situazione classica e disperata di attesa sulla banchina di una metropolitana.
Le due non si sono mai incontrate prima. Tra loro nasce una conversazione paradossale dalla quale si evincono man mano alcuni luoghi comuni tipici di chi vive in una metropoli ed ha ormai introiettato le dinamiche che ne contraddistinguono gli abitanti: diffidenza nei confronti dell’altro, necessità di primeggiare, schizofrenia, ipocondria, panico, stato di eterna attesa, invidia, nevrosi. E se questa metropolitana non dovesse mai arrivare?
Un concentrato degli stereotipi milanesi che, spesso, accomunano molte città metropoli. In una situazione quotidiana di attesa del mezzo pubblico avviene un titanico scontro di luoghi comuni. Quale ideale sopravvivrà?
Seconda fermata
DELIVERY SERVICE
di Carlo Guasconi & Pablo Solari (LECHE DE TIGRE)
con Francesco Aricò e Fabrizio Lombardo
Esplora il fenomeno sempre più diffuso delle consegne a domicilio, creando un insospettabile ideale rivoluzionario: la distruzione del capitalismo sulle spalle di un fattorino e attraverso le arterie di Milano.
Un fattorino viene richiamato in ufficio da un manager della compagnia di food delivering con la quale collabora. Il pretesto per richiamare questo fattorino è una serie di ritardi rintracciati attraverso il GPS presente sul suo smartphone. Chilometri percorsi e tempo impiegato non corrispondono alle medie lavorative richieste.
Quello che potrebbe essere un semplice richiamo sulla produttività assume toni sempre più surreali fino ad arrivare alla supposizione che il fattorino stia preparando un attentato terroristico nel cuore di Milano. Il fattorino si rivela un insospettabile rivoluzionario che si oppone alla GIG economy, il sistema economico utilizzato da società che non danno lavoro, ma creano collaboratori “liberi” di gestire il proprio tempo in base agli impegni. Un’apocalisse consegnata a domicilio assieme alla pizza.
Terza fermata
QUEL CHE RESTA DEL PORNO
di Magdalena Barile
con Giorgia Coco, Natascia, Curci, Enzo Giraldo e Giuseppe Scoditti
Il testo si interroga sulla sessualità di Milano, prendendo come emblema un set di video pornografici, dove vecchie e nuove generazioni si incontrano e scontrano. Una nuova pornografia per il capoluogo lombardo.
“Quel che resta del porno” è ambientato a Milano, sul set di un film per adulti in un’epoca in cui l’industria del sesso, così come la città in cui è ambientata la storia, sta cercando una nuova identità, nuove forme di rappresentazione e di racconto. Un giovane fanatico del porno d’epoca in visita a uno scalcinato set incontra una ragazza, assistente di produzione, di cui si innamora e fra accidenti di percorso e mancate erezioni di una star in disarmo, i due cercano insieme di dare una nuovo senso al porno.
Quarta fermata
Reincollare le zampe ai piccioni e altre proposte geniali per migliorare Milano in vista delle Olimpiadi Invernali del 2026
di Davide Carnevali
con Fabrizio Lombardo
Un milione e mezzo di persone vivono a Milano, all’interno di un’area di circa 180 km2. Senza contare i lavoratori giornalieri, i turisti e gli animali tristi. Come conciliare le esigenze di tutti? Come fare in modo che ogni essere, ontologicamente inteso in senso spinoziano, possa godere dei vantaggi e dei benefici che la metropoli lombarda elargisce? Negli ultimi anni la città ha fatto un salto di qualità, ma verso dove? Siamo felici? Possiamo essere più felici di così? A queste e altre domande risponde un esponente degli strati più bassi della scala sociale lombarda: l’attore. Dalla sua posizione privilegiata, elaborerà geniali proposte per una città davvero a misura d’uomo, e non solo.
Fermata provvisoria
A/P #After Party
di Simone Bisantino
voce Angelo Di Genio
Una Milano notturna e allucinata fa da cornice ad un incontro tra due sconosciuti. Un brano di narrativa contrappuntato da voci e musica, per far vivere un pezzo di città pulsante e dai risvolti acidi.
__________________________________________________

Ideazione e Regia: Aldo Cassano
Con: Francesco Aricò, Giorgia Coco, Natascia Curci, Angelo Di Genio, Fabrizio Lombardo, Giorgio Rosa

Sound Design: Antonio Spitaleri
Costumi: Lucia Lapolla
Scene: Nani Waltz
Luci: Isadora Giuntini
Illustrazioni: Amalia Arosio
Poster: Ehsan Mehrbakhsh
Coordinamento autori: Greta Cappelletti
Uff. Stampa: Antonietta Magli
Organizzazione: Vanessa Radrizzani

Con il contributo di COMUNE di MILANO e FONDAZIONE CARIPLO

Press

modulazionitemporali.it - A.B. "[…] In scena l’anima nera e bellissima, di una città in costante, apparentemente disperato movimento. Se Milano è un palcoscenico, e tutti noi non siamo altro che attori, la nostra speranza è che qualcuno ci renda felici dandoci finalmente il testo, possibilmente ben scritto, diretto e interpretato come questo “M8 – Prossima fermata Milano”: uno degli spettacoli migliori visti negli ultimi tempi, che ci dà speranza nella nuova drammaturgia contemporanea e soprattutto tanta voglia di andare a Teatro."

Klpteatro.it - Vincenzo Sardelli "[…] Un’operazione complessa. Un’indagine sociale che ha il merito di evitare stereotipi e schematismi ideologici. Il registro è pop, la recitazione realistica. Si coglie la solidità della regia, la forza d’urto degli attori che si presentano in maniera credibile, icastica, tenendo la scena senza la minima sbavatura. La scrittura è coesa, se ne coglie la freschezza."

tophat.blog - Isabella Rotti “[…] quattro corti teatrali di alcuni interessanti esponenti della giovane drammaturgia. In una linea immaginaria della Metropolitana Milanese, rappresentata da un agglomerato “mutante” di luci al neon, quattro sguardi alienati e alienanti sulla città, tra critica, ironia, ma sotto sotto, anche amore incondizionato per la metropoli. […]lo spettacolo si impone grazie a originalità e freschezza, gettando nuova luce sulla drammaturgia italiana contemporanea.”

viveremilano.info - Samuele Gugliada “[…] 8 pièce inedite. Gli attori per tutto lo spettacolo hanno ‘rapito’ il pubblico presente per proiettarlo sul palcoscenico permettendogli di immedesimarsi con i personaggi e le tematiche affrontate e dandogli la possibilità di avere una nuova prospettiva su alcuni aspetti della realtà milanese che viviamo e subiamo ogni giorno senza metterla in discussione. Vivere Milano era presente e vuole raccontarvi come una compagnia teatrale, nonostante le difficoltà che può affrontare chi vive di teatro oggi , partendo da situazioni attuali, sappia raccontare storie che stimolino riflessioni profonde. Chi l’avesse perso avrà la possibilità di vederlo dal 17 al 22 ottobre al teatro Elfo Puccini, l’attesa sarà ricompensata dalla magia che gli attori sapranno ricreare sul palcoscenico.”